Incontro con Rachele De Prisco

Incontro con Rachele De Prisco

Ho ricevuto due giorni fa una gradita visita, una delle persone che hanno vinto ad Erice, una siciliana trapianta in toscana Rachele De Prisco, ma che porta l’aria soleggiata sia nel io sia nei sui scritti. Mi ha dedicato infatti, una copia con dedica, e debbo dire la verità è la prima volta in assoluto che qualcuno mi fa una dedica e mi dona un libro di poesie.

Un piccolo volumetto della grandezza in mini pad e circa 50 pagine, io normalmente sono abituata a divorare libri tecnici, dove si parla di tutt’altro che dell’animo umano, è vista la cortese donazione ho per curiosità incominciato a leggere, la prima, la seconda ed in poco tempo ho sono arrivata alla fine. Forse per il mio modo di pensare o per il mio carattere mi sono soffermata di più di alcune di questi versi, ho apprezzato la poesia “Mio Padre”,(soprattutto nel 5°passo), “La Madre”, ma quella che ritengo a mio modo di vedere la migliore della serie è “Fantasia”, che nella parte finale esprime un pensiero metafisico di trasformazione, in un essere che per sua natura è libero e senza vincoli.

[Best_Wordpress_Gallery id=”9″ gal_title=”Rachele De Prisco”]