POETA GALLESE E DRAMMATURGO PETER THABIT JONES

Peter sarà in America dall’inizio di aprile a giugno, per una serie di eventi e per la residenza annuale del suo scrittore a Big Sur, in California. Lui e l’acclamato romanziere americano Andre Dubus III saranno intervistati durante un evento presso la Massachusetts Lowell University. Peter andrà quindi a Boulder, in Colorado, dove il suo nuovo libro Garden of Clouds / News and Selected Poemssarà lanciato. Peter si reca quindi a San Fransico per tenere un discorso di poesia e un seminario di scrittura presso Book Passage. Quindi si dirige verso Big Sur. Mentre è uno scrittore residente, lancerà il suo nuovo libro e sarà intervistato alla Biblioteca Henry Miller. Andrà anche a Los Angeles, dove riceverà un premio da Global Poetry & Poetics, Mijusihak (USA) e dove terrà un seminario sulla poesia e la scrittura. Prima di tornare in Galles, andrà a New York per le celebrazioni del cinquantesimo anniversario del suo editore americano, Cross-Cultural Communications.

NOTA  INTRODUTTIVA DEL POETA GALLESE E DRAMMATURGO PETER THABIT JONES PRESSO PER UNA PRESENTAZIONE ALLA MASSACHUSETTS LOWELL UNIVERSITY, USA, APRILE 2020

INGLESE PAG.2

Da ragazzo, mi siedo su Kilvey , presso un promontorio di una collina che ha oscurato e dominato la fila di case popolari nell’Eastside Swansea, nel Galles. Sono nato nella casa dei miei nonni materni sotto Kilvey e mi hanno cresciuto. Ho trascorso molto tempo lassù, da solo, guardando e pensando. Anche allora, per citare un po ‘erroneamente Edward Thomas, un poeta inglese e uno dei miei preferiti , volevo “Mordere il giorno nel profondo”.

Poi a scuola il signor James, il mio insegnante, ha letto una poesia, Il martin pescatore del poeta gallese e vagabondo WH Davies. La linea di apertura è: “Era l’arcobaleno che ti ha dato alla luce”. Quella parola arcobaleno si illuminò nella mia mente. Improvvisamente ho visto cosa poteva fare una sola parola, da sola. Una volta avevo visto un uccello martin pescatore giù sul canale di Port Tennant mentre giocavo con alcuni compagni di scuola.

È stato il vero inizio per me, quando la lingua è diventata più di un semplice modo di comunicare nel normale mondo delle relazioni. Il signor James ci ha dato un esercizio per scrivere una poesia. Ne scrissi uno chiamato The Canary (uno dei miei zii teneva i canarini in una tettoia nel nostro giardino). Mr James ha smontato la mia poesia MA, soprattutto, mi ha anche mostrato il modo di mettere davvero insieme una poesia, con evidenti rime a quei tempi (interna ed esterna).

Questo, per me, è stato l’inizio dell’apprendimento della cosa permanente dell’artigianato. Mi sono reso conto dell’eccitazione di non sapere cosa c’era dietro l’angolo quando uno ha ricevuto l’ispirazione per la prima volta, quando ha iniziato a scrivere una nuova poesia.

Penso che il senso del mestiere sia essenziale in una poesia, sia formale che informale. Come ha affermato il poeta irlandese Seamus Heaney, “Il mestiere è ciò che impari da altri versetti. Il mestiere è l’abilità di fare ”.

1

Dylan Thomas disse a uno studente americano nel 1951: “Sono un artigiano scrupoloso, coscienzioso, coinvolto e subdolo nelle parole … Uso tutto per far funzionare le mie poesie e muovermi nelle direzioni che desidero”.

Il poeta gallese Vernon Watkins, amico di Dylan Thomas, ha dichiarato: “L’artigianato freddo è il miglior contenitore di fuoco”.

E TS Eliot ha sottolineato in “La musica della poesia” (1942) che “nessun verso è gratuito per l’uomo che vuole fare un buon lavoro”.

Quindi, per me come poeta, non è solo ciò che si dice in una poesia, ma riguarda anche il modo in cui lo si dice. “Il colore del dire”, come diceva Dylan Thomas.

Cresciuto come un poeta in Galles, un paese bilingue con due letterature distinte, gallese e inglese, si è presto resi conto dell’importanza della trama del suono, della musicalità di una poesia, dell’uso di cynghanedd, di rigidi strumenti poetici in lingua gallese, utilizzato da poeti di lingua inglese, come Dylan Thomas e Gerard Manley Hopkins, che per un po ‘risiedette come sacerdote nel Galles del Nord e studiò la lingua gallese e il cynghanedd.

Cynghanedd significa armonia; e una descrizione semplificata di cynghanedd è l’ armonizzazione di consonanti, rime e suoni.

Credo che una poesia dovrebbe “cantare” in contrapposizione alla prosa standard.

‘Festeggio me stesso e canto me stesso’ come ha scritto Walt Whitman.

La musicalità di una poesia, la trama del suono, può contribuire all’idea di TS Eliot secondo cui “la vera poesia può comunicare prima che sia compresa”. Credo che ciò sia dovuto al fatto che un poeta sta mescolando qualcosa di fondamentale in noi, il battito iambico dentro di noi, il ritmo stesso del nostro essere.

E William Carlos Williams ha sottolineato: “Una poesia è questa: / Una sfumatura di suono / operare delicatamente / su una cataratta di senso / … i dettagli / di una canzone che si sveglia / su un letto di suono”.

Un poeta di fronte al dramma sulla pagina (“Fuori dalla lite con noi stessi facciamo poesie” come ha detto il poeta irlandese WB Yeats) sta cercando di creare un qualche tipo di energia – verbale, visiva e musicale – e cercando di garantire

una specie di integrità, credibilità, nella voce parlante della poesia, sulle orme del respiro.

Un poeta impegnato utilizzerà tutti gli strumenti poetici nel kitbag per sollevare una poesia dalla pagina.

Ma, come ha detto una volta Seamus Heaney, “Tecnica … implica non solo un poeta & APOS; s fare con le parole, la sua gestione di metro , ritmo e consistenza verbale; implica anche una definizione di una posizione verso la propria vita, una definizione della propria realtà. “

C’è un gioco d’azzardo mentale quando si raccolgono carta e penna. La scommessa che ciò che si muove tra i propri pensieri, il proprio nido di emozioni ed esperienze, potrebbe diventare una vera e propria poesia.

Senza la poesia troverei la mia vita meno di un’esperienza, meno di un viaggio. Un pezzo di carta bianco e una penna sono per me come una vasta foresta è per un uomo in fuga, un’avventura spaventosa ma in qualche modo emozionante. Adoro il disagio inquieto di una poesia nella mente, una parola, una frase, un’osservazione, un ritmo, il modo in cui tutto viene espulso per il focus di modellare qualcosa, la rimozione di tutto ciò che NON è una poesia, fino a quando non c’è una poesia: su quel foglio di carta, forse per sempre.

Come William Carlos Williams ha affermato: “Se si ain & APOS; t un piacere, si ain & APOS; ta poesia.”

Mi piacciono in particolare le forme autoprodotte, che possono usare ritmo, rima e metro, ma in cui è anche possibile utilizzare rime indebolite e altri “trucchi del mestiere”. Quindi, anche se scrivo in versi liberi, provo a far suonare bene la poesia, perché possa “cantare” quando viene letto ad alta voce.

Uso per incoraggiare i miei studenti della Swansea University a provare le forme tradizionali perché sono un buon modo per esercitarsi usando la lingua, per controllare le parole nel fare ciò che vuoi che facciano. Vedo le forme tradizionali come un’avventura e non una giacca di forza.

La struttura, per me, è fondamentale, sia che si tratti della struttura della strofa di una poesia o della struttura del suono di una poesia. Non penso che si debba sacrificare l’immaginazione per la struttura. Penso che l’immaginazione possa contribuire alla struttura e la struttura può contribuire all’immaginazione. Anche l’energica passione di un 3

pittore come Van Gogh è contenuto nel rettangolo o nel quadrato di una cornice.

Una buona poesia dovrebbe contenere i TRE ingredienti principali:

– UN MESSAGGIO o MESSAGGI – IMMAGINI – o come preferisco le immagini mentali (le immagini erano originariamente indicate come immagini mentali) – LA STRUTTURA DI UNA SINTONIA, in altre parole musicalità o trama sonora.

Una poesia eccellente, ovviamente, ha “un fantasma nella macchina”, un tocco di duende come suggerito dall’inspiegabile poeta spagnolo Federico Garcia Lorca.

La differenza tra una poesia ordinaria e una poesia eccellente è un po ‘come il commento del poeta gallese RS Thomas sulla traduzione: una poesia ordinaria è “baciare attraverso un fazzoletto”, una poesia eccellente è un vero bacio.

La scrittura di una poesia per me è tutto. La pubblicazione è secondaria. La paura e l’eccitazione di una pagina vuota è ancora qualcosa che amo.

Sento un aiuto artigianale nella comunicazione, nella connessione, tra scrittore e lettore. Bisogna usare i “trucchi del mestiere” disponibili, in altre parole l’applicazione dell’artigianato, per far sentire il lettore tristezza, percepire un paesaggio di neve o sperimentare l’eterno motore dell’oceano ecc.

Per me le ossa di una poesia vengono prima di tutto, una parola, una frase, una linea o un ritmo, di solito iniziate da un’osservazione, un’immagine o un pensiero. Poi, una volta che ho la coda di una poesia, inizio a pensare al suo corpo. Oggi, in poche righe, so se sarà formale o informale. Se è formale, tutte le mie energie vanno a modellarlo nel suo particolare stampo, una sestina o altro. Se è informale, applico la stessa dedizione.

Alla fine, dopo molte bozze, una poesia spesso ha bisogno di essere ridotta a causa di troppe parole, linee o idee. Il poeta gallese RS Thomas ha anche indicato che la poesia nella mente non è mai quella sulla pagina, e c’è così tanta verità in quel commento.

4

Il mio caro amico e mentore degli ultimi trent’anni, poeta, biografo e critico newyorkese Vince Clemente, parla spesso dell’integrità di una poesia come l’integrità della voce parlante del poeta.

L’applicazione dell’imbarcazione, ovviamente, non deve influire su quella voce interna o su quelle interne. Come ha detto il poeta inglese Edward Thomas, “Dovrei usare come alberi e uccelli / Una lingua da non tradire”. Il tradimento della propria voce, in altre parole la falsificazione della propria voce o l’inserimento di una voce che non è la tua vera voce, porta alla falsa arte.

A meno che, ovviamente, uno non stia parlando attraverso la voce di un altro, come un bambino vittima di bullismo o una vecchia solitaria. Quindi, bisogna avvicinarsi il più possibile alla realtà di una voce.

Penso che trovare la propria voce, o voci, sia la cosa più importante per un poeta. Nel mio caso, la svolta per me è stata un profondo dolore personale nella mia vita, la morte del mio secondo figlio, Mathew, quando avevo ventiquattro anni. Mi sono trovato faccia a faccia, per citare il poeta e critico inglese Matthew Arnold, con la “nota eterna di tristezza”. Non scrivo da molto tempo, tre anni in effetti. Quando la poesia è venuto verso di me sapevo che non avrei potuto ripiegare su qualcun altro & APOS; s voce o esperienze. Ad essere sincero, però, penso che sia solo negli ultimi dodici anni che ho davvero iniziato a capire e usare, come vorrei, la mia voce.

Edward Thomas anche detto, ‘Io non posso morso il giorno per il core’; e in a
modo, per me, ogni poesia sta cercando di mordere più vicino a quel nucleo.

Penso anche che l’elastico della poesia possa essere allungato per accogliere tutti i tipi di poesie. Credo che se ti arrendi alla poesia, ti restituirà qualcosa.

“Le parole sono la droga più potente conosciuta dall’umanità”, ha scritto lo scrittore inglese Rudyard Kipling. La poesia è un modo per garantire che parole e linguaggio mantengano il loro valore reale.

Penso che nel trattare le parole, il linguaggio, si sia sempre consapevoli delle ombre delle parole, delle ombre del linguaggio, dove risiede qualcosa di più profondo della propria conoscenza e 5

immaginazione. È l’assenza in presenza.

Conoscenza e immaginazione possono andare così lontano, ma non abbastanza lontano.

Mi sono sempre interessato al sottotono della realtà, “l’eterna nota di tristezza”, per citare di nuovo Matthew Arnold, l ‘”universo stanco della canzone”, per citare il mio amico americano Vince Clemente.

Il vero significato, per me come poeta, è come una stanza in cui un angelo è appena partito. Si percepisce qualcosa, ma la conoscenza e persino l’immaginazione non possono nominarlo. È, per citare il poeta americano John Ciardi, “la preghiera dietro la preghiera”.

Abbandonarsi agli inizi di una poesia è un atto sacro solitario, una devozione a una vocazione che richiede la massima attenzione.

William Carlos Williams lo sostiene nel poema The Thoughtful Lover:

“Ma oggi i particolari della poesia

quell’arte difficile richiede tutta la tua attenzione. “

La parola poeta deriva dalla poeia latina, che significa “faccio” o “fare”.

La pagina bianca, come un campo di neve ad un bambino, blocca qualsiasi senso del tempo artificiale, alcun senso di responsabilità di quegli altri in un & APOS; s vita. Uno è in un altro tipo di tempo. Tutto esce dalla finestra quando un poeta si trova di fronte a una pagina bianca e una poesia si muove come un animale invisibile che si aggira lentamente nella mente. La pagina vuota diventa la finestra, una finestra verso l’ignoto.

Durante il rituale della creazione, il poeta impegnato sia inserito in un no-man & APOS; s -Terra di ricordi, un no-man & APOS; s-terra di emozioni. Parole, sillabe, 6

il loro stesso canto è prezioso come il respiro.

La chiamata alla poesia risuona attraverso il proprio essere. Uno è all’altare di tutto ciò che rende la vita degna di essere vissuta. Il fantasma della propria musa è tornato nella stanza. Uno è di nuovo un poeta.

Il poeta americano Allen Ginsberg dichiarò: “La poesia non è un’espressione della linea del partito. È quell’ora della notte, sdraiato nel letto, a pensare a quello che pensi veramente, a rendere pubblico il mondo privato, a quello che fa il poeta. “

Penso di essere a conoscenza degli scrittori del passato e delle loro opere umili uno, rende consapevole dell’importanza di quei titoli, poeta / scrittore, e ci si rende conto dell’importanza di apprendere l’arte della scrittura: si sta sempre imparando.

* Ma attenzione, come ha affermato William Carlos Williams, “Penso che tutta la scrittura sia una malattia. È possibile & APOS; t fermano esso “.

Peter Thabit Jones © 2020

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.