La tela della vita di Rehanul Hoque

La tela della vita di Rehanul Hoque

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le foglie sono diventate gialle e poi sono cadute in inverno.
La scarsità di magnesio e la mancanza di acqua hanno reso le foglie abbastanza pallide da
perdere, questo è quello che sapevo.
Ma ho adorato gli alberi senza conoscere tutti questi
Mi piace che si sono alzati abbastanza in alto da guardare il cielo blu
negli occhi di un autunno, in un momento in cui il cielo appare come la tela di
un eminente pittore!
Ovunque il pittore metta un graffio,
si trasforma in una magnifica opera d’arte che termina in stelle fiorenti
con l’autunno.
Alcuni di loro sono Sole, Ercole o Bernadi
Alcuni Sirio, Giove e Mira
Senza riflettere, senza sapere a fondo che li amavo,
cercarono di coprirli con la mia entità.
In piedi sull’orlo del tempo e della grande espansione
Qualsiasi tentativo di attingere se qualcuno si oppone alla supplica
di questa meschina creatura, si è rivelato ebraico.

Qui, la serenità trovata dalla mattina inumidisce
ogni piccolo movimento di un fascio di risaia
dal sole di tutti i giorni, uccelli cinguettanti,
melodia del vento del sud e
una piccola goccia tra le onde in acqua stagnante –
replicare ma il mio senso, imita il mio fremito
Un crescendo del brivido inonda il mio intero essere.

Per tutta la vita ho sopportato il tocco morbido dell’erba inzuppata di rugiada, ho
annusato il fango estremamente marcio che ha
sentito gli uccelli mentre le loro ali svolazzare
assorbivano l’entusiasmo di esseri voluttuosi
assaggiato fruttosio, acido, minerali e vitamina
Era difficile intravedere batteri e virus
Ma li ho visti: ho visto il
loro impero, ho sentito il modo in cui hanno aggrottato le sopracciglia verso gli altri.
In effetti, che crederanno che questi animali di giovinezza inarrestabile
hanno regnato in Antartide per
dieci milioni di anni!
Al contrario, Variola e influenza erano personaggi familiari.
Fino ad oggi c’è una rissa tra noi
che ho visto ciascuna delle cellule vuote di un uccello.
Una volta ho dovuto navigare da solo come Chiurlo-
Nel lungo percorso accidentato senza riparo, svago e cibo
costantemente mi venne in mente il pensiero della terra, il
suo vento generoso, il mare sconosciuto, la vasta natura selvaggia, il verde esteso che
il Sole squarciava l’orizzonte per trovare un cimitero;
In mezzo a ondate agitate di oceano, con lampi spaventosi e tuoni che
mi ricordavano, chi sono.

In cerca di una risposta, ho trovato tutti i fulmini pronti con una risposta
Intensa oscurità tutt’intorno e nessun suono
a volte chiazze di luce e ombra,
un’alba troppo rara, un crepuscolo.
Sono una luce scintillante in mezzo.
Il mio passato e il futuro – oscurità assoluta Anche
se l’oscurità non è vuota qui, piena invece.
Spremuto da una terribile gravitas, degenero in Spaghetti
o in un marmo di immensa densità
e vengo esposto alla fine del tunnel a un universo senza confini.
L’euglena, l’ameba e i genitali femminili sono disponibili anche in quel mondo,
ma qui è unico il test che non
ho sentito carismatico in nessun altro posto diverso da questo luogo.
La bellezza, la fragranza e il colore delle cose e degli esseri:
Il sapore dell’arile in ciascuno dei litchis che fa
esplodere effusioni di magma dal fondo dell’oceano –
macchie che si diffondono in tutto
il cielo attraente con lucentezza che suona a 70 ° Nord e Sud
onde radio e onde elettriche che piovono incessantemente sulla terra
la bellezza abbagliante del Grande Barrier Reef:
la creazione della pappa reale per nutrire l’ape regina,
la melodia e il ritmo della regina nell’esecuzione di una danza
nel momento in cui il microscopico tentacolo del Chironex tropicale è stato sentito
con una reazione bruciante e
un terribile mulinello creato da Buaya darat:
tutto così unico!

Molto spesso si è mossi dalle civiltà e dalle loro glorie:
l’Ajtec, il Sind, l’Egeo, il Babilonese, il Vedico e la Piramide.
Come Cheope di 490 piedi- la sua (Area ÷ 2) × Altitudine
corrisponde a un π (22/7)!
Come la matematica parla oltre la silice e la calce!
Raggiungendo l’apice della gloria anche se
un cervello di 100 miliardi di neuroni passa nell’oblio,
il molteplice Gamechanger che governa l’eternità
rimane invariato nel corso dei secoli
Questo è il potere che vorrei poter perdere
per ripagare tutto ciò che devo a
ogni singola goccia di rugiada, dolce sole in inverno
tutte le meraviglie di cui la terra vanta, foglie gialle dell’albero
la fantasia conosciuta e sconosciuta e
ciascuna delle lettere tinte di nero.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.