Come più volte ho pubblicato su Facebook questo sito vuole riprende un pò delle modalità della 3° Pagina del Trapani Nuova.

Glenn Scammacca

Ricevo un post attraverso  dall’amica Francesca Cannavò:

Brevi Note biografiche: Francesca Cannavò, nata a Messina il 7 luglio del 1959, vive la prima parte della sua vita all’estremo sud della Sicilia in provincia di Siracusa; studia e si laurea a Messina in Scienze Politiche ed offre alla terra tre figli. Lavora come cancelliere dapprima nell’aspra terra calabra cavandone una esperienza lavorativa e di vita estremamente significativa, successivamente a Messina dove abita in riva al mitico mare dello Stretto:

 

L’Ombra

sapere l’ombra  

come il vento per gli  

storpi  

bucce di un’anima  

rattrappita  

in preghiere e malefici  

l’ipocrisia di un  

convento  

la gioia di un ruscello  

dentro la guerra  

la noia cigola a morte  

la ruota del mistero  

autentica  

e sola invenzione  

degli umani  

 

Due fiati si toccano 

 

Due fiati si toccano  

questo mondo troppo

sempre

innamorato di noi

torniamo nel buio per

vederlo

mentre

biascichiamo sogni

per illuderlo

i contorni dorati delle

nuvole

ancora proteggono

i numi portentosi che

ci abitano

un passo tira l’altro

avvicendando tributi a

memoria

quasi tutti gli oceani

ricolmi di vite

bisbigliate

all’orecchio del tempo

nelle notti infuriate

raccontano

battaglie e lamenti e

furibonde imprese

tra ali mozzate e

tempeste

qualche frammento si

poggia su un occhio

distratto

e s’avvede ritrovato.

Un dire di luce  

Un dire di luce  

di tessere d’oro  

Un farsi da parte  

in tenebra possente  

riavvolte le spire  

traspare suono in  

vortice di fiato  

perfetto s’apre il frutto  

e ancora spande  

rosso  

come sangue  

vita d’anfratto  

L’attimo totale che  

muore e vive  

Il sé cosmico pronto a  

possedersi  

Fuor del divenire, sta  

Fuor di desiderio,  

esiste. 

Un cielo di ghiaccio

Benché protesi ad alme nuove
piangiamo
sorelle sfinite
sepolte di morte
parola vessillo
mela d’oro in profitto 
genesi perenne 
l’ambito primato
essere bellezza
nella conca del tempo 
ha il valore di un dio dissoluto
una nuvola rossa sotto un cielo di ghiaccio

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.