Un saluto a Emanuele Schembari

Un saluto a Emanuele Schembari

SI E’ SPENTO UN GRANDE POETA.

Emanuele Schembari, omaggio ad un Maestro ibleo della cultura.
Poeta e scrittore è stato varie volte ospite d’onore dell’Accademia dei Notturni Caltanissettesi. Nei primi anni 90, inoltre, è stato chiamato a dirigere la rivista politico-culturale “La Marianne” edita a Caltanissetta. Da Nat Scammacca è stato chiamato a far parte dell’Antigruppo Siciliano. Ecco un breve profilo dell’artista.

E’ stato un grande uomo di cultura, un “maestro” del giornalismo, colui che ha insegnato tantissimo a quanti hanno voluto intraprendere nel tempo il difficile “mestiere” di giornalista.
Uomo dotato di una cultura che spazia a 360° da sempre è conosciuto come colui che non ha mai avuti i classici “peli sulla lingua” nel senso più puro del termine. Non c’è stato evento culturale soprattutto quelli di un certo spessore che non hanno avuto il piacere e l’onore di averlo come esemplare protagonista.

Emanuele Schembari è nato nel 1936 a Ragusa dove è stato presidente del Gruppo culturale “Mario Gori” e presidente del Centro Servizi Culturali del comune di Ragusa. Dopo aver insegnato nella scuola elementare è diventato giornalista professionista nel 1981, ha diretto la mitica televisione privata Teleiblea, per dieci anni ed è stato conduttore di programmi e opinionista di Tele Nova. E’ stato corrispondente provinciale del quotidiano “L’ora” e responsabile di “Il diario” di Ragusa. Dopo aver diretto la collana di poesia “Tre ponti” per Cultura Duemila, ha diretto, con Giovanni Occhipinti – anche lui grande personaggio di cultura nostrano – e con Aldo Gerbino, la collana “Testimonianze in biblioteca” per Libroitaliano. Ha diretto, con Giovanni Occhipinti, dal 1973 al 1975, la rivista letteraria “Cronorama”. Più recentemente ha diretto le riviste culturali “Quale cultura”, “Scrittura”, “La Marianne”, “Pagine dal sud” e il periodico “La settimana della provincia di Ragusa”. Ha vinto parecchi premi letterari ed ha fatto parte di diverse commissioni di premi letterari.

Tra le sue molteplici pubblicazioni, per la poesie i volumi: Dove rimani viva, PD 1968; La transizione rabbiosa, PD 1972; Questione di misura, Gela 1973; La rivoluzione immaginaria, Roma 1974; La progettazione magmatica, PA 1980; Il poligono circoscritto, PI 1988; I fiori, il tempo, PA 1989; Il poker della vita, RG 1994; Il meccanismo dei mulini di vetro, FG 1996; per la narrativa , Le favole dei bottoni, Crotone 1990; Le macchie sul muro, PI 1993; Quelli del Turati, RG 2000.
Da citare infine per la saggistica: Poeti contemporanei della provincia di Ragusa, Chiaramonte Gulfi 1987; Calabria-Cilia: Il colore della contraddizione, RG 1991; Dizionario biografico degli autori contemporanei, RG 1994; La poesia del secondo novecento siciliano, RG 1998

Toto’ Pecoraro

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.